25 Gennaio 2018

Anche a Gennaio sedi sempre aperte.

Promozioni, EcoDays e saldi sull'usato.

19 Gennaio 2018

Gennaro Cannavacciuolo canta la vita privata ed artistica di Milly, al secolo Carla Mignone, celebre soubrette partita dal Varietà di provincia e arrivata poi alle sfarzose riviste anteguerra e ai locali scintillanti di New York. In un quadro scenografico elegante, con luccichii da sera sul nero dominante, lo spettacolo passa dal varietà degli Anni ‘20, al flirt con il Principe Umberto e all’amore disperato di Cesare Pavese che la cantante mai poté ricambiare. Lo spettacolo celebra Milly fino alla sua maturità artistica: passando dal brillante repertorio di Brecht-Weill, al suo rapporto con Strehler, fino ai testi più significativi dei cantautori e musicisti degli anni 60-70, quali Endrigo, Lauzi, De Andrè, Aznavour e Piazzolla.

19 Gennaio 2018

Yvonne si accorge, di prima mattina, che suo marito, il dottor Moulineaux , non è in camera e lo sospetta di infedeltà. Giunge la madre di Yvonne, la combattiva Signora Aigreville, la quale si rende conto dell’esistenza di problemi nel matrimonio della figlia. Poco dopo giunge a casa il dottore che cerca di discolparsi con la moglie e la suocera.

Inizia da qui una serie di equivoci e finzioni che porterà il dottore a trasferirsi in un appartamento che prima ospitava una sarta. Tra personaggi divertentissimi, situazioni ingarbugliate, gags e ritmi forsennati, la storia procede, tra risate e sorprese, verso il finale. Un testo, appartenente alla storia del teatro comico  moderno, che sembra scritto su misura per la genialità eclettica di Marco Zadra.

19 Gennaio 2018

Cosa accadrebbe se alla vigilia dell’anniversario del decimo anno di matrimonio, due coniugi venissero a scoprire che il prete che ha celebrato il loro matrimonio, in realtà non era un prete? È quanto accade a Gino e Adele, i quali, alla vigilia della cena organizzata per festeggiare le nozze di rame (10 anni di matrimonio), vengono sopraffatti da una notizia sconvolgente: si sono “bevuti” Don Alfio, sacerdote che alcuni anni prima aveva sposato la coppia.

Dopo un primo momento nel quale i due coniugi rimangono sbigottiti, inizia una diversa conflittuale interpretazione della nuova realtà: per il marito nasce la convinzione di essere tornato celibe, libero e quindi semplice convivente, per la moglie, invece, il matrimonio resta valido e la realtà non cambia.

19 Gennaio 2018

Ma cosa ne sanno i giovani della nostra adolescenza… si insomma di quando eravamo ragazzi. Le abitudini di una vita sono tutte mutate molto velocemente Tante le cose che sono cambiate per quelli che come me sono nati degli anni 60’. La musica che ascoltavamo, la macchina del caffè alla mattina con quel suo profumo intenso, la spesa al mercato, l’uscita fuori porta , il telefono a gettoni, il sugo della domenica, le grandi feste in casa , in bici e in vespa senza casco e le nostre mamme che non ci avevano visti con l’ecografia e partorivano in casa!

19 Gennaio 2018

Il cuore di Rimini pulsa tranquillo in attesa dell’arrivo chiassoso dei turisti. Adelmo, un ladro stanco e sfortunato, nota una finestra aperta sulla facciata di una palazzina ricca e discreta. La tentazione è irresistibile e conduce l’uomo a trovarsi faccia a faccia con Lise, la stravagante padrona di casa, una croupier tedesca in pensione. Nessuno dei due corrisponde al ruolo che dovrebbe ricoprire e, in una spirale di equivoci, eccessi e ironia, si sviluppa un rapporto strano, bizzarro ma allo stesso tempo complesso e intenso sul piano dei sentimenti. Due personaggi infinitamente lontani, nulla li accomuna, eppure entrambi cercano il modo di essere compresi e amati dall’altro. Un testo intenso, una commedia ironica e amara a ritmo di mambo; una riflessione sul senso che diamo alle nostre vite, sul peso del caso e della nemesi, sulla libertà di scelta delle nostre coscienze.

19 Gennaio 2018

“Una festa ESAGERATA…! è una commedia ironica e divertente, che coniuga la naturalezza della recitazione a una comicità a volte farsesca e irriverente. Partendo dal mix di miseria e nobiltà che c'è in ognuno di noi, Salemme punta tutto sulla sua ben nota capacità di far riflettere il pubblico utilizzando l'arma del sorriso. Il risultato è uno spettacolo che sa unire la leggerezza a una sintassi narrativa teatrale più classica e che, senza fare sconti a nessuno, accende la luce su contraddizioni, debolezze e pregiudizi dell'animo umano.

19 Gennaio 2018

Asciugando e rimodellando il plot goldoniano, Fassbinder accende i riflettori sul mondo di frequentatori della Kaffeehaus (Bottega del caffè) di Ridolfo, in cui un microcosmo d’individui si incontra e parla: discorsi che s’incentrano soprattutto sul denaro.

Spiega infatti Veronica Cruciani: «Il lavoro di regia sarà costruito in modo tale da sottolineare l’andamento drammaturgico del testo di Fassbinder: un graduale, lento, inesorabile smascheramento di una situazione che si rivela sempre più l’incontro/scontro di un gruppo di persone guidate dal desiderio del denaro e del potere».

19 Gennaio 2018

SONO APERTE LE NUOVE ISCRIZIONI E/O I RINNOVI DELLA TESSERA DEL CRAL PER IL 2018

Vieni presso i nostri uffici dal Lunedì al Giovedì dalle 10.00 alle 13.00 in piazza Cinecittà, 11 - 1° piano.

Per qualunque informazione puoi chiamare i seguenti numeri : 06-7108840 oppure i numeri : 331-3033580 e 334-3644408

Affrettati per non perdere le fantastiche promozioni e convenzioni che abbiamo trovato per te!

19 Gennaio 2018

SONO APERTE LE NUOVE ISCRIZIONI E/O I RINNOVI DELLA TESSERA DEL CRAL PER IL 2019

Vieni presso i nostri uffici Mercoledì e Giovedì ore 10:00 - 13:00 in piazza Cinecittà, 11 - 1° piano.

Per qualunque informazione puoi chiamare i seguenti numeri : 06-7108840 oppure i numeri : 331-3033580 e 334-3644408

Affrettati per non perdere le fantastiche promozioni e convenzioni che abbiamo trovato per te!

11 Gennaio 2018

Dal 9 al 21 gennaio 2018, il Teatro Quirino (Via delle Vergini, 7) mette in scena il capolavoro letterario di Agatha Christie.

Dieci sconosciuti sono stati invitati su una bellissima isola deserta. Nelle camere trovano affissa agli specchi una poesia, “Dieci piccoli indiani”. La filastrocca parla di come muoiono, uno dopo l’altro, tutti i dieci indiani. Una serie di morti misteriose infonde il terrore negli ospiti, che iniziano ad accusarsi a vicenda fino ad arrivare ad una scioccante conclusione.

L’assassino si nasconde tra di loro.

11 Gennaio 2018

Sabato 20 Gennaio 2018 a Roma, presso l'Auditorium Parco della Musica, Teatro Studio G.Borgna. Alle ore 21

Jazz e magia, brani di Wayne Shorter, Mal Waldron, Ron Carter, Kirk Lightsey e altri in Some Place Called Where: un’opera preziosa, intima e delicata. Pianoforte e voce per lo straordinario duo composto dalla vocalist italiana Marilena Paradisi e dal pianista americano Kirk Lightsey.

14 Dicembre 2017

Andrea Crocchia
Sviluppo Commerciale Rete Clienti
Direzione Commerciale
Filiale Via P. Veronese, 53– 00147 Roma

05 Dicembre 2017

Venerdì 29 dicembre a Roma, presso l'Auditorium Parco della Musica, Teatro Studio G.Borgna. Alle ore 21

Il progetto ‘Fabbrica del nulla’ nasce sulla scia del precedente omonimo album, i cui brani sono stati utilizzati in numerose trasmissioni televisive come La storia siamo noi, Geo & Geo, Uno mattina, La vita in diretta, Ballarò, ma anche per film, trailer, documentari presentati al Festival Cinema e Biennale Architettura di Venezia.

Ai concerti realizzati dal gruppo in Italia, Germania e Danimarca, fanno seguito quelli più recenti, impostati prevalentemente sul contenuto del nuovo disco, "Ricercare". Già accolto favorevolmente e con un'intensa partecipazione di pubblico in Finlandia, Svezia e Germania, "Ricercare" vede i quattro musicisti presenti sul palco confrontarsi con sonorità che vanno dalla world music al jazz fino a contorni di elettronica.

05 Dicembre 2017

Sabato 23 dicembre a Roma, presso l'Auditorium Parco della Musica, Teatro Studio G.Borgna. Alle ore 21

Due esempi magistrali di sax e pianoforte. Due set per quattro musicisti diversi sia per estrazione che cifre stilistiche ma uniti a coppie con l'unico scopo di dipingere quadri sonori intensi e poetici.

Il primo, Polinelli/Magli, si ispira all'incedere poetico delle canzoni del mitico David Sylvian.
Il secondo, Alesini/Gwis, con una libera improvvisazione ispirata ai testi del grande Giuseppe Ungaretti.

Iscriviti alla nostra Newsletter

ORARIO:

Mercoledì e Giovedì 10:00 - 13:00

 

06.71.08.840

331.30.33.580

334.36.44.408